Valle del manubrio. Uomini e strade del ciclismo in Valchiusella

Valle del manubrio. Uomini e strade del ciclismo in Valchiusella
di Paolo Ghiggio
NOVITA’ APRILE 2021

cop_valle_del_manubrio_300.jpg

La biforcazione a “V” della Valchiusella, nella sua parte terminale, le ha conferito il nomignolo di “Valle del manubrio”. Questa è l’interpretazione geografica, ma esistono altre supposizioni più intriganti, che si rifanno alla gentilezza e disponibilità delle ragazze valligiane. L’Autore, però, da amante del ciclismo anche praticato, vuole pensare che questo appellativo sia dovuto ai numerosi percorsi per le due ruote, sia su strada che sui numerosi sentieri: le salite e discese del territorio indubbiamente sono un ottimo terreno di allenamento.
Come non pensare dunque che un ragazzo nato in questa valle, che pratichi e ami il ciclismo, ancor più se dotato delle caratteristiche fisiche del corridore, non sia un predestinato?
Si avrà modo di effettuare una autentica cavalcata su due ruote lungo i saliscendi della ridente valle canavesana, in compagnia di molti personaggi della zona, cari a tutti i ciclofili delle nostre parti: dal grande Riccardo Filippi di Alice, all’antico Glaudo di Rueglio, ai due Arizio, al “legionario” Bove, ai più giovani Paolo Rossi, Steno Cimbri, Paolo Carozzi e Bruno Filippi, figlio d’arte, non dimenticando “Pinza d’oro”, Enzo Ottin Pecchio, grande meccanico e cicloamatore.
A coloro che faticano in bicicletta su queste strade e a tutti quei personaggi del passato è dedicata questa storia, sperando che le nuove generazioni possano rivolgere un pensiero a chi con fama e notorietà, e a chi, magari con gloria minore, li ha preceduti.
Il volume ha un prezzo di copertina di € 18.